ESCAPE='HTML'
Crudismo

Il crudismo non è semplicemente “mangiare crudo”, ma prevede preparazioni completamente diverse da quelle che conosciamo convenzionalmente ed anche un'attrezzatura particolare. Infatti vengono utilizzati: essicatori, germogliatori, estrattori, frullatori, taglia verdure a spirale ed altri attrezzi e accessori anche comunemente usati nella cucina tradizionale. Naturalmente non servono più forni fornetti, e padelle varie, solo un paio di pentole per scaldare a bagnomaria, quando lo si desidera.

Non pubblicheremo ricette, ma ci limiteremo a trattare l'argomento come passo consapevole e salutistico successivo al veganismo. Infatti dobbiamo sapere che per mantenerci in buona salute bisogna mangiare per il 60% crudo nel caso ci si trovi già in buona salute, l'80% in caso di malattie non gravi, ed il 100% nel caso di malattie croniche, degenerative o mortali. Naturalmente queste percentuali sono date tenendo conto delle difficoltà del passaggio ad un regime alimentare completamente diverso rispetto a quello convenzionale o vegano, ma in pratica bisognerebbe tutti mangiare crudo al 100% sempre.

Questo perchè il nostro corpo ha bisogno di ossigeno e di nutrimento “vivo” ed il cibo per essere considerato vivo e mantenere tutte le sue caratteristiche organolettiche e tutti i suoi nutrimenti, non deve superare nella preparazione i 40, massimo 42 gradi centigradi. Automaticamente, sono esclusi dall'alimentazione crudista, pasta, pane, pizze, focacce e tutto ciò che contiene glutine e amidi, che diventano come una vera e propria colla che ricopre i villi intestinali, ne impedisce lo svolgimento della loro funzione, indispensabile per una corretta digestione e per non affaticare il fegato; inoltre, questa colla otturando arterie e vasi sanguigni può provocare problemi di altro tipo molto seri.

Conoscere il funzionamento del nostro corpo è indispensabile per poter capire l'importanza di alimentarlo nella maniera corretta, allo stesso tempo non è cosa facile, in quanto le informazioni corrette non sono mai rivelate né diffuse dai canali ufficiali a causa di certi interessi; quindi dobbiamo “fare da noi”, usando la nostra testa, smettendo di ragionare con ciò che crediamo di sapere e verificando anche provando su noi stessi.

Dobbiamo sapere che le malattie non esistono, in realtà si tratta di PROCESSI DI DIFESA del nostro corpo, infatti in assenza di una alimentazione sana si abbassano inevitabilmente le difese immunitarie e di conseguenza il nostro corpo mette in atto altri meccanismi scatenando quella che chiamano malattia ma che serve a tutto ciò che vive all'interno del nostro corpo per cercare di difendersi e di non morire.

Quindi una medicina corretta ed etica sarebbe quella che cura la causa e non il sintomo come invece avviene nella medicina ufficiale; il 100% delle volte che andiamo dal medico usciamo dal suo studio con una o più ricette in mano, con medicine o esami da fare, mai qualche nozione di corretta alimentazione per curare la causa dei problemi o dei dolori accusati.

Affrontando il discorso a livello cellulare si possono capire tante cose: le nostre cellule per poter vivere e riprodursi in maniera sana necessitano di un ambiente alcalino e ben ossigenato. Ma cosa determina un ambiente alcalino e ben ossigenato? Naturalmente l'alimentazione, siamo quello che mangiamo, per cui quando accade che mangiamo cose morte, ovvero cotte o comunque trattate sopra i 42 gradi, immettiamo nel nostro organismo sostanze acidificanti e prive di ossigeno.

A lungo andare negli anni, può succedere, quando si esagera con stili di vita ed alimentazione totalmente malsani e quindi si crea nel corpo un ambiente acido e poco ossigenato, che le cellule non potendo contare su un sistema immunitario forte, per non morire innescano questi PROCESSI DI DIFESA; il peggiore è sicuramente quello di trasformarsi in cellule ANAEROBICHE ovvero che possono vivere in assenza di ossigeno, generando cellule tumorali che una volta trasformate continuano la loro vita riproducendosi e formando così vari tipi di cancro.

Tutto ciò fu scoperto dal medico e fisiologo tedesco Otto Heinrich Warburg che nel 1931 fu insignito del premio Nobel per la medicina appunto per avere scoperto la causa primaria del cancro e nonostante questa verità sia stata tenuta nascosta per decenni oggi grazie a internet si sta diffondendo.

Ma le cose da dire su questi argomenti sono infinite, sta a voi approfondirli e costruire il vostro stile di vita cercando di basarlo su verità che hanno una logica inattaccabile che proviene da ragionamenti etici, naturali e coscienziosi.

Ricettario vegan

 ESCAPE='HTML'

Dall'articolo “Cos'è il crudismo” a cura di Ricette Crudiste (www.ricettecrudiste.it).

UN PO' DI STORIA

Le radici del crudismo si rifanno inevitabilmente a prima della scoperta del fuoco, quando l’uomo consumava crudo il suo cibo. Con la scoperta del fuoco infatti, tutto è cambiato. Il cibo non più solo mezzo per nutrirsi ma materia per sperimentare l’arte culinaria.  In tutte le epoche della storia sono esistiti uomini che hanno proclamato l’effetto benefico della dieta crudista. Nel Vangelo Esseno della Pace, scoperto negli archivi Vaticani nel 1947 dal filosofo, psicologo e archeologo Edmond Bordeaux-Szekely, ritroviamo questa dicitura:

(…) non uccidete nè uomini, nè animali, né il cibo che va nella vostra bocca… se vi nutrite di cibi vivi questi vi vivificheranno, se uccidete il vostro cibo, il cibo morto vi ucciderà… la vita viene dalla vita, dalla morte viene sempre la morte… ciò che uccide il vostro cibo, uccide anche le vostre anime… i vostri corpi diventano ciò che mangiate, come le vostre anime diventano ciò che voi pensate… perciò non mangiate ciò che il gelo e il fuoco hanno distrutto, perché i cibi bruciati, gelati e decomposti, bruceranno, geleranno e decomporranno il vostro corpo… mangiate frutti ed erbe alimentati e maturati dal fuoco della vita (…)

L’assunzione di cibi crudi come trattamento dietetico fu sviluppato in Svizzera  dal medico Maximilian Bircher-Benner, celebre per essere l’inventore del muesli. Dopo essere guarito dall’ittero grazie ad una dieta a base di mele crude, Bircher-Benner condusse esperimenti sugli effetti sulla salute umana di una dieta a base di vegetali crudi. Nel 1987 fondò un centro di cura che ancora oggi è attivo.

Più recentemente il crudismo, più conosciuto come raw food è attivo da molti anni, soprattutto in America. E’ conosciuto anche come igienismo naturale: uno stile di vita che promuove un’alimentazione sana e naturale escludendo l’utilizzo di medicine. L’Igienismo si diffuse soprattutto grazie alle ricerche e agli scritti del dott. Herbert Shelton, un medico americano indipendente che scrisse numerosi libri per raccontare come aveva curato con l’alimentazione naturale, il digiuno e lo stile di vita, il cancro e altre patologie considerate incurabili ai suoi tempi.

COSA MANGIANO I CRUDISTI

Il crudismo si divide tra coloro che sostengono lo stile vegan, vegetariano o addirittura onnivoro.  Il crudista vegetariano fa uso di latte, uova, e miele, l’onnivoro aggiunge carne e pesce crudi. Noi sosteniamo il crudismo vegan, crediamo infatti che una vita sana ed etica non debba passare per la sofferenza di nessuno. La dieta crudista vegan prevede l’uso di frutta, verdura, noci, semi e germogli coltivati in maniera biologica. Questi cibi possono essere consumati tali e quali o nella preparazione di frullati, succhi o, come vedrete, in appetitose ricette che non hanno nulla da invidiare alla cucina tradizionale. Nel crudismo i cibi non sono sottoposti a calore superiore ai 42°, una temperatura che non permette di distruggere enzimi e tutte le qualità nutrizionali.

Al posto della cottura i cibi vengono tagliati, affettati, frullati, centrifugati, marinati o disidratati. Scoprirete attraverso le ricette come con gli stessi ingredienti di un’insalata si possano preparare degli ottimi Tacos crudisti. Si tende a pensare che magiare crudo sia molto triste. Non si tratta di mangiare una carota o un pomodoro o di privarsi di dolci e cose buone. Al contrario scoprirete come non vi priverete più nulla! Chi non si è mai cimentato nella cucina crudista scoprirà che i dolci crudi sono una delle cose più buone e salutari che abbia mai mangiato!

PERCHE' MANGIARE CRUDO?

Cucinando gli alimenti si perdono tutte le sostanze naturali e benefiche che la natura ci offre. Gli enzimi sono alla base dei principi della cucina crudista. Sono essenziali per mantenere le corrette funzioni dell’organismo, per la digestione degli alimenti e per il processo di ricostruzione dei tessuti. Il crudismo garantisce un apporto di vitamine e minerali non alterati dai processi di cottura, stimola la digestione, dà un grande senso di sazietà, disintossica, porta il peso del corpo al giusto livello e idrata.

Al contrario di quanto si possa pensare, mangiare crudo non fa “sentire freddo”. Il concetto che abbiamo di bere o magiare cose calde per riscaldarci è sbagliato. Di certo le cose calde scaldano nei primi minuti, ma dopo poco il corpo, essendo molto più caldo rispetto all’esterno, ci fa sentire anche più freddo di prima. Crudismo vuol dire anche pensare al pianeta. Si producono infatti meno rifiuti, si risparmia a livello energetico e si favorisce lo sviluppo di nuove piante.

INIZIARE A MANGIARE CRUDO

E’ più facile di quanto si pensi! Noi consigliamo di farlo in maniera graduale, cominciate sostituendo le colazioni, poi le cene e infine i pranzi. Sembrerà molto difficile per chi fa una vita frenetica ma basta organizzarsi preparando i cibi nei momenti liberi. Crackers, hamburger o polpette vegetali sono ottimi da mangiare fuori, durante la pausa pranzo dal lavoro. Potrete preparare anche barrette energetiche per i vostri spuntini. Ovviamente è importante l’aspetto della spesa, vi accorgerete che il luogo maggiormente frequentato dal crudista è il reparto frutta e verdura, assicuratevi di acquistare biologico e di stagione. Mangiare crudo si può, mangiare sano si deve. Lo dobbiamo al nostro corpo e al nostro pianeta.

Fonte: www.ricettecrudiste.it

 ESCAPE='HTML'